Telecamere Speed Dome: i dubbi più comuni

speed, dome
Telecamere Speed Dome: i dubbi più comuni 4.60/5 (92.00%) 7 voti

Nel campo della videosorveglianza più avanzata, sono le telecamere Speed Dome a fare la parte da leone.Sono una delle soluzioni più efficaci per chiunque voglia affidarsi ad un sistema altamente professionale. Infatti, sono munite di zoom estremamente potenti, in grado di catturare anche i minimi dettagli. Hanno, inoltre, dei dispositivi di messa a fuoco automatici, detti autofocus, introvabili in altre telecamere. Sono, pertanto, uniche nel loro genere.

Tutte le loro particolarità e caratteristiche, però, spesso fanno sorgere numerosi dubbi e quesiti agli utenti. Scopriamo e rispondiamo ai più comuni.

Quali sono i cavi migliori per il controllo delle Speed Dome?

I cavi da utilizzare sono i normali cavi di rete di categoria 5. Usano due doppini: un doppino per il segnale telemetrico di controllo della telecamera per il protocollo su interfaccia RS485 e un doppino per il segnale video. Un altro cavo da utilizzare è quello per l’alimentazione con sezione 2,5 mm. Generalmente, però, sono forniti in dotazione con la telecamera.

Hanno un protocollo di trasmissione? Sono compatibili con il DVR?

Il loro protocollo di trasmissione è lo standard Pelco-D. Per quanto riguarda il DVR, è necessario accettarsi che il proprio DVR sia compatibile. Per farlo, è sufficiente visionare il retro del videoregistratore e controllare che ci sia la porta RS485 e che il protocollo Pelco-D sia supportato.

Le Speed Dome riescono a memorizzare posizioni stabilite?

Sì. Di solito sulle moderne Speed Dome è possibile configurare da 20 a 128 posizioni, per ognuna delle quali è possibile decidere anche il grado di zoom.

È possibile far muovere una Speed Dome sempre in maniera automatica?

Se si programma il DVR, si può far eseguire delle ronde che richiamano in maniera ciclica le posizioni di preset. È bene sottolineare, però, che un movimento continuo può portare ad una riduzione della vita della Speed Dome di circa un terzo. Se questo movimento automatico è necessario 24 ore al giorno, vi consigliamo di controllare motori e cinghie di distribuzione della telecamera almeno ogni anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *