In un buon impianto la centrale d’allarme è tutto

In un buon impianto la centrale d’allarme è tutto 4.10/5 (82.00%) 8 voti

Sono veramente incuriosito, negli impianti d’allarme  più moderni, quelli a tecnologia più avanzata, la centralina assume una funzione determinante.

Essa costituisce il cuore dell’impianto, gestisce le informazioni che riceve dai vari sensori collocati lungo tutta la rete dell’impianto, ne valuta la natura e determina l’attivazione di tuti i dispositivi elettronici di difesa.

In commercio ne trovo oramai di tutti i tipi, filari o wireless con o senza combinatore telefonico sia  esso gps  o meno, secondo me l’importante è individuarne di buona qualità che  oggi consentono addirittura di parzializzare il funzionamento dell’impianto, ripartendolo in più zone.

Ad esempio ho letto che è  possibile inserire solo l’allarme perimetrale con l’attivazione dei sensori su porte e finestre, riservandosi la possibilità di circolare liberamente dentro casa ad allarme inserito e che esiste la possibilità di controllare sul  display della centralina quale sensore lo ha innescato.

Cosa mi consigliate per la protezione migliore della mia casa?

Sara

 

Ciao Sara,  è un argomento molto serio  quello della sicurezza della propria casa, ma soprattutto dei propri cari ma proprio per questo oggi esistono aziende molto serie nel settore della sicurezza che forniscono soluzioni appropriate per ogni esigenza di protezione.

Secondo noi oltre ad individuare centrali d’allarme a tecnologia evoluta come ha fatto tu, ritengo attraverso una adeguata ricerca sul web, bisogna riflettere anche su una corretta realizzazione dell’impianto d’allarme per garantirsi un corretto funzionamento d’insieme.

Va innanzitutto tenuto presente che per una buona realizzazione dell’impianto, l’abitazione dovrebbe divisa in zone che va operata secondo a ripartizione della casa e dello stile di vita dei proprietari.

Tieni conto infine che oggi gli impianti a tecnologia più evoluta consentono la possibilità di interconnessione con i nostri strumenti d’uso quotidiano come gli smartphone, permettendo non solo di vigilare attraverso telecamere all’interno dei locali ma di interfacciarsi con l’impianto d’allarme per gestirne le funzioni.

Grazie per averci scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *