Eventi atmosferici e sensori da esterno, quale relazione?

Eventi atmosferici e sensori da esterno, quale relazione? 4.10/5 (82.00%) 2 voti

Premesso che è sempre per me un piacere poter interagire con esperti del vostro calibro nel settore della sicurezza domestica, mi piacerebbe oggi affrontare un annoso problema che secondo me affligge la tecnologia relativa ai sensori di allarme per esterno.

Nello specifico, dovendo tutelare adeguatamente un’area esterna di mia proprietà fuori dal centro abitato milanese, oramai preda di vandali di ogni tipo ed etnia,  stavo cercando di ipotizzare l’impiego di sensori di allarme che potessero lavorare non solo in piena autonomia dal punto di vista energetico e della trasmissione dei dati ma che fossero nel contempo capaci di affrontare le note rigidissime condizioni ambientali della zona, soprattutto durante la stagione invernale.

Mi chiedevo, infatti, se esistono sensori così robusti e mi piacerebbe vederli all’opera.

Mi date un piccolo aiutino?

Grazie.  Massimo

 

 

Carissimo Massimo.

Conosciamo benissimo le tue zone e, alla nostra veneranda età ne portiamo i segni indelebili (artrosi).

Allora,  affrontiamo con calma il tuo problema e riconosciamo innanzitutto che sembra semplice ma non lo è o meglio, non va affrontato con sufficienza ma dopo una attenta ed oculata analisi ambientale.

Infatti considerato l’utilizzo in ambiente esterno, talvolta caratterizzato da fitta nebbia, non t

I nascondo che sensori ad infrarossi attivi di tipo tradizionale che funzionano secondo il principio della interruzione di fascio, potrebbero essere ingannati dal fattore climatico ed innescare fastidiosi falsi allarmi con le conseguenze che tutti noi conosciamo.

La condizione ideale, nello specifico, sarebbe quella di poter installare barriere perimetrali a microonda, unitamente ad alcuni sensori infrarosso, che adeguatamente orientati potrebbero garantire un funzionamento più stabile ed affidabile?

Purtroppo dobbiamo procedere per tentativi, per cui iniziamo e facci sapere come procede, ti seguiremo fino a rendere stabile l’impianto.

Non preoccuparti, sarà  per noi un vero piacere.

Saluti

  1. E’ la vecchia storia dell’uovo e della gallina.
    E’ evidente che i fattori atmosferici creino disturbi ma tutto si può risolvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *