Come evitare i falsi allarmi

Come evitare i falsi allarmi 4.20/5 (84.00%) 2 voti

Quando parliamo di falsi allarmi, ci riferiamo alla circostanza in cui l’allarme scatta senza che vi sia una reale intrusione, il che non rappresenta soltanto un fenomeno fastidioso per i vicini di casa, ma anche e soprattutto per chi è proprietario dell’edificio, che sia una abitazione privata o un locale commerciale nel quale è installato il sistema di antifurto. I falsi allarmi possono capitare in un impianto, ma generalmente sono dovuti più alla noncuranza di chi li utilizza che a deficit di fabbricazione. Un falso allarme si può verificare in conseguenza ad un sensore mal tarato, ad una impropria manutenzione nel tempo, alle dimenticanze dell’utente (come ad esempio lasciare porte e finestre aperte) o all’acquisto di dispositivi eccessivamente economici e quindi di scarsa qualità. Vi sono poi altri fattori che possono far partire un falso allarme: un forte colpo di vento, un brusco mutamento della temperatura, o ancora lo spostamento di un animale domestico; in tali situazioni è il sensore di movimento che elabora una stima errata, intendendo come rischiosa una circostanza che effettivamente non lo è.

Solitamente, le cause dei falsi allarmi possono essere davvero numerose: i nemici più grandi di un sistema di allarme sono da indagare nelle condizioni atmosferiche alle quali è sottoposto giorno e notte: nebbia, pioggia, vento, grandine, polveri, riverberi della luce ecc. Oltre a queste criticità, non dimentichiamo anche il ruolo in questo panorama degli animali d’affezione: in tal caso un sensore di bassa qualità, ovvero impossibilitato discernere sempre con esattezza ciò che sta analizzando, rileverà il passaggio di un cane, di un gatto o di un uccello e farà partire invano l’allarme. Pertanto, se da un lato gli agenti atmosferici e gli animali domestici hanno un ruolo principale nell’ambito dei falsi allarmi, d’altro lato si può avere a che fare con malfattori e ladri esperti che conoscono bene gli impianti di allarme e che quindi sono in grado di far partire l’allarme intenzionalmente: ciò porterà il proprietario di casa a disattivare il sistema per non importunare se stesso e i vicini, lasciando così inconsapevolmente via libera agli ospiti indesiderati.

Dopo questa carrellata di situazioni nelle quali si possono verificare i falsi allarmi, come possiamo risolvere questo fastidioso problema? Nel caso in cui il falso allarme dovesse ripetersi con una notevole regolarità, gli inconvenienti potrebbero essere due: l’aver acquistato degli apparecchi troppo economici per il vostro sistema di allarme, oppure il fatto di non effettuare in maniera corretta la manutenzione dell’impianto stesso. Ciò perché un buon impianto di antifurto su cui si consegue regolarmente una appropriata manutenzione, non genera i falsi allarmi: questi ultimi, al massimo, si potranno limitare alla fase di installazione, proprio quanto si effettuano i dovuti test. Dunque, risulta chiamo quanto sia fondamentale fare attenzione nel seguire due semplici ed importanti direttive: scegliere sempre di dotarsi di sistemi di allarme certificati, all’altezza degli standard di qualità e con un buon equilibrio tra i requisiti garantiti ed il prezzo di mercato, e realizzare dei controlli del sistema in modo accurato e continuativo.

  1. Io ho a che fare con falsi allarmi dei sensori installati sulla terrazza, succede quando c’è forte vento… qualcuno saprebbe aiutarmi a capire come risolvere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *