Barriere Perimetrali ad Infrarossi per Esterno

Vota il post

Quando si tratta di proteggere la nostra abitazione, ufficio o negozio da intrusioni provenienti dall’esterno, la miglior difesa è installare nel nostro impianto di antifurto delle Barriere Perimetrali ad Infrarossi. Si tratta di una protezione invisibile, affidabile, sicura ed economica che permette di far scattare l’allarme in caso di violazione dell’area controllata.

Le barriere perimetrali ad infrarossi per esterno si presentano in molteplici modi. Si possono utilizzare sia sensori Pir singoli, ovvero passivi, che quelli Pir attivi, ovvero composti da emettitore e ricevitore, vediamone i dettagli.

Abbiamo già visto come funziona un sensore perimetrale. Il rilevatore di movimento riesce a percepire il calore di un corpo umano a distanza in caso di violazione dello spazio controllato. Utilizza delle radiazioni con lunghezza d’onda compresa tra 700nm e 1mm. Quando ciò avviene invia un allarme. Questo è quello che accade con un singolo sensore che, nel caso di spazi aperti, può essere installato a muro per controllare il perimetro.

barriere_perimetrali_infrarossi

La barriera perimetrale ad infrarossa vera e propria è composta da due sensori, un emettitore ed un ricevitore. Più che un ricevitore è un riflessore che fa “rimbalzare” il fascio ad infrarossi. Si crea così un filo invisibile che se interrotto a causa del passaggio di un essere umano, fa inviare un segnale di allarme alla centralina.

In alternativa ai sensori Pir possono essere utilizzati dei rilevatori a microonde (microwave) oppure a doppia tecnologia che fanno uso di infrarossi + microonde.

Il comportamento di un sensore Mw è diverso. Si utilizza il principio di Doppler che è lo stesso usato dai radar. La zona viene saturata da onde elettromagnetiche che impiegano una certa energia per riempirla. Quando viene fatta una nuova rilevazione e l’energia per saturare è diversa, scatta l’allarme.

Alcuni rilevatori perimetrali utilizzano la doppia tecnologia, il segnale di allarme viene inviato quando sia il controllo ad Infrarossi che quello con le microonde danno esito positivo, molto utile per evitare i falsi allarmi dovuti al passaggio di animali.

Le barriere perimetrali ad infrarossi da esterno possono quindi essere montate lungo il muro, sia a terra che a mezz’aria. Riescono a coprire spazi che arrivano anche a più di 100 metri e funzionano anche in notturna.

L’ultima alternativa per creare delle protezioni all’esterno della nostra casa è rappresentata dai sensori interrati. Vengono posti a pochi centimetri da terra e riescono ad individuare in maniera magnetica il calpestio di eventuali intrusi. Non interferiscono con piante e vegetazione, ma ovviamente sono molto più cari rispetto ai Pir e a quelli a microonde.

I prezzi: una barriera ad infrarossi con Pir Attivi costa circa 150 euro a coppia per un prodotto di media qualità con copertura fino a 50 mt.

  1. Per le barriere infrarossi vorrei capire se rilevano anche il passaggio di un cane o gatto..

  2. Generalmente sono immuni al passaggio di animali domestici. Se non lo sono, bisogna posizionarli ad un’altezza tale da evitare di rilevarli!

  3. Fino a quale ampiezza è possibile montarle, anche su porte finestre per balconi ad esempio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *