Antifurto su Android: come monitorare la casa con lo smartphone

antifurto Android
4.7/5 - (6 votes)

Avere a disposizione un antifurto su Android o in generale su smartphone è davvero fondamentale. Stiamo parlando in particolare delle grandi potenzialità che può avere un sistema di allarme collegato al nostro smartphone, per garantire una maggiore sicurezza per l’abitazione o per il luogo di lavoro. Installare un antifurto in un edificio significa anche poter usufruire di notifiche precise, anche nel momento in cui non siamo fisicamente presenti all’interno dell’edificio stesso. Si tratta di un obiettivo davvero fondamentale da raggiungere e per questo è possibile sfruttare le ultime tecnologie che ci vengono in aiuto anche nel settore dei sistemi di sicurezza.

Come monitorare la casa anche da lontano

Il settore della tecnologia e delle ultime innovazioni tecnologiche ci mette sempre più a disposizione dei prodotti utili per garantire la protezione della casa. Basterà infatti utilizzare un sistema antifurto che include un’app per Android o per iOS, per avere sempre disponibili le notifiche e gli aggiornamenti su ciò che succede all’interno dell’area da monitorare.

È possibile anche controllare le riprese video che vengono effettuate grazie alle telecamere di videosorveglianza oppure si possono ricevere delle notifiche tramite app o degli SMS in tempo reale nel caso in cui si verifichi qualcosa che deve essere sottoposto ad attenzione.

Cosa è possibile fare con un antifurto su Android

Controllare la casa attraverso lo smartphone è semplicissimo, anche perché i kit antifurto che vengono installati nell’abitazione in genere hanno a disposizione un’applicazione per dispositivi mobili inclusa, che consente proprio di controllare in qualsiasi momento l’edificio.

È possibile monitorare le videocamere che hanno l’obiettivo di registrare ciò che avviene in una determinata area oppure tenere conto delle indicazioni fornite dai rilevatori di movimento, i sensori che riescono a mettere in evidenza eventuali situazioni anomale all’interno dell’edificio.

Con un’applicazione mobile per smartphone, come per esempio un antifurto su Android, è possibile anche attivare o disattivare l’impianto di allarme a distanza, a prescindere dalla tipologia di registrazione che viene effettuata in un determinato momento.

In tutti questi casi le operazioni da compiere sono molto semplici, perché basterà collegarsi alla rete Wi-Fi dello smartphone e aprire l’app antifurto: in maniera molto veloce sarà possibile monitorare la situazione in tempo reale e accedere all’archivio delle immagini registrate in precedenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.