Contatti magnetici per porte e finestre

Contatti magnetici per porte e finestre 4.10/5 (82.00%) 5 voti

Uno dei metodi che sta ottenendo maggior successo per proteggere la casa dall’ingresso di estranei, è l’installazione di contatti magnetici per porte e finestre. Il motivo per cui sono così diffuse è che sono facili da installare anche da soli, senza che sia necessario l’aiuto di una ditta specializzata e, soprattutto, garantiscono un’ottima protezione.

Ma cosa sono i contatti magnetici per porte e finestre? Si tratta di sensori che si connettono con i bordi delle finestre e delle porte sfruttando il magnetismo. Fino a quando la porta e la finestra restano chiuse i sensori sono a contatto, ma quando una di queste viene aperta il contatto viene meno e si attiva l’allarme. Il funzionamento, quindi, è piuttosto elementare e per questo motivo anche installarli è semplicissimo, richiede poco tempo e può farlo chiunque.

La prima cosa da fare è quella di procurarsi tutti gli elementi che occorrono per l’installazione. Questi sono: i connettori magnetici a circuito chiuso, gli interruttori di detti connettori, delle viti per il legno e, ovviamente, il giravite adatto. Il prezzo dei sensori è decisamente ragionevole e possono essere trovati un po’ ovunque, dal negozio di bricolage alla ferramenta. Ovviamente i sensori vanno comprati in quantità adeguata in modo da poter essere montati vicino a tutte le finestre e alle porte di ingresso.

I connettori si compongono di due parti: una va fissata sulla porta e l’altra sul telaio, ovviamente in corrispondenza. Una volta aperta la porta, il sensore va posizionato in basso sullo stipite e spinto fino a che non si sente una specie di fischio. A questo punto va marcato il punto con una x o un altro segno che vi aiuti a riconoscere dove è stato emesso il suddetto suono. Infine va fissato il sensore sul punto corrispondente dalla parte posteriore. Nel fare questa operazione bisogna prestare accortezza ed assicurarsi che il lato destro del connettore magnetico coincida con il bordo della porta.

Una volta sistemata la parte inferiore, dopo averla fissata con le viti autofilettanti per il legno, va posto un segno sul bordo della porta che indica il centro della parte fissata. E’ proprio in questo punto che va posta la parte superiore del sensore. La parte va assicurata alla porta aperta sempre tramite le viti e il cacciavite. A questo punto si può chiudere la porta e il sistema d’allarme è funzionante. Ora si può procedere a fissare anche gli altri sensori a tutte le finestre e ai balconi.

I connettori magnetici sfruttano il circuito chiuso che si viene a creare quando le due parti fissate sono in contatto. Quando si dividono, il circuito si rompe e suona l’allarme se, ovviamente, i sensori vengono collegati all’antifurto della casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *