Come funziona una chiave elettronica per antifurto in casa

chiave elettronica antifurto casa
Come funziona una chiave elettronica per antifurto in casa 4.50/5 (90.00%) 6 voti

La chiave elettronica per un antifurto per casa costituisce uno strumento molto utile per controllare tutti gli aspetti che riguardano il sistema di allarme installato in un’abitazione. Esistono infatti tante tipologie di chiavi elettroniche, che possono costituire una valida alternativa ai classici telecomandi. In questo articolo scopriremo come funzionano le chiavi elettroniche per i sistemi antifurto e daremo uno sguardo anche alle possibili alternative. Naturalmente è bene ricordare che non sono necessarie delle conoscenze specifiche per utilizzare questi meccanismi, che si rivelano degli strumenti molto utili in diverse occasioni per la gestione del sistema di allarme in casa.

Cosa sono le chiavi elettroniche di un antifurto

La chiave elettronica per antifurto in casa funziona in modo molto semplice. Esistono degli strumenti di questo tipo che vanno inserite in apposite fessure con placchette metalliche. In questo modo si può stabilire un contatto preciso con il sistema di allarme presente in casa.

È un’ottima soluzione ad esempio per attivare o disattivare il sistema antifurto, specialmente quando vogliamo ad esempio autorizzare una persona nello specifico ad accedere ad una determinata area che in genere è sottoposta al controllo di un sistema di allarme attivo.

Ci sono poi delle chiavi a sfioro, che hanno un sensore di prossimità. Anche queste sono delle opzioni molto interessanti ed utili, che consentono di utilizzare lo strumento in maniera molto semplice, appoggiandolo su una placchetta situata in un muro.

Possiamo poi citare anche le chiavi magnetiche, che hanno un funzionamento simile alle carte contactless. In questo modo basterà toccare una placchetta a muro per procedere con l’attivazione o con la disattivazione del sistema antifurto. Non sarà quindi nemmeno necessario portare in qualunque situazione una chiave fisica o un telecomando, perché in molti casi è possibile utilizzare soltanto lo smartphone per il riconoscimento.

I telecomandi e gli altri sistemi di controllo

Non c’è però soltanto la chiave elettronica per il controllo di un sistema antifurto in casa. Infatti è possibile puntare sulle possibilità offerte da un classico telecomando, con una specifica portata e con la possibilità di un funzionamento preciso, visto che non avremo a che fare con delle interferenze.

Poi possiamo citare anche i sensori biometrici, che permettono di sfruttare ad esempio le impronte digitali per attivare o disattivare il sistema di allarme presente in casa. Ricordiamo infine anche le tastiere, che a volte hanno un visore led o lcd per un controllo accurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *