Sensore a tenda e alte temperature

Sensore a tenda e alte temperature 4.50/5 (90.00%) 2 voti

La gamma di prodotti per la sicurezza di casa é ampia e la tecnologia dei sistemi di allarmi si evolve sempre più. Nella scelta del sistema di protezione più adatto alle vostre esigenze ci sono diversi fattori da tenere in considerazione. Quali sono le parti più esposte della casa? Avete bambini o animali domestici? Avete modo di collegare cavi elettrici dove volete installare l’allarme? Recentemente si parla molto dei sensori a tenda, un sistema di sicurezza economico e facile da installare anche senza l’aiuto di un tecnico.
Vediamo di cosa si tratta, quali sono i vantaggi, come installarlo e qualche consiglio per scegliere il modello migliore.

Cosa sono e quali sono i vantaggi?
Sono antifurto senza fili dotati di trasmissione wireless. I sensori a tenda sono sensori infrarosso dotati di una lente a specchio montata in alto e che punta verso il basso. Come indica il nome, posizionandoli nella parte alta della porta o della finestra, creano un vero e proprio effetto tenda sulla superficie aperta.
Questa tecnologia riduce quasi completamente lo scattare di falsi allarmi dovuti ad esempio al passaggio di animali. Pesano pochi grammi, sono piccoli e il loro aspetto non risulta nè antiestetico nè invasivo. Il montaggio e la configurazione sono semplici e intuitivi.
In pratica non rilevano il movimento ma un brusco cambio di temperatura ed essendo posizionati in alto e puntando il pavimento viene evitato il rischio che altri movimenti, ad esempio fuori dalla finestra o dal balcone, compromettano l’efficienza dell’allarme.
Il fatto che si tratti di un allarme senza fili é senza dubbio un vantaggio, sia perché sarà possibile installarlo anche in abitazioni non predisposte sia perché vi eviterà la noia di dover creare apposite canalette per far passare i cavi elettrici. Naturalmente, non essendo collegato alla corrente elettrica, la batteria del sensore si scaricherà ma la durata di una carica arriva a 3 anni quindi non é qualcosa di cui dovrete preoccuparvi spesso. Quando le batterie saranno scariche il sensore invierà un segnale, di solito visivo, avvisandovi che é il momento della sostituzione.
Altro vantaggio, che vale un po’ per tutti i sistemi di allarme a vista, é l’effetto deterrente. Essendo posizionati all’esterno in una posizione visibile dal malintenzionato potrebbero fargli cambiare idea sulla pianificata visita a casa vostra.

Dove installare un sensore a tenda
In linea generale il sensore va montato in una posizione che faciliti la rilevazione della presenza di estranei. Ovvero, considerato il raggio di azione del sensore, che di solito varia dai 2 ai 6 metri, dovrete posizionarlo dove il ladro sarebbe costretto a passare, dove quindi il sensore non possa essere facilmente aggirato. Arrivano ad un raggio di 300 gradi.
Solitamente, i sensori a tenda vanno installati nella parte alta interna della finestra o sullo stipite interno della porta. Possono essere anche montati in parete e ci sono anche sensori a tenda da esterno per la protezione delle aperture, come ad esempio i garage.
L’allarme é direzionale, andrà impostato in modo da attivarsi solo se l’attraversamento avverrà in una certa direzione, dall’esterno all’interno e non viceversa.

Cosa evitare
Innanzitutto occorre evitare che il sensore si trovi esposto ai raggi solari diretti che potrebbero portare il sensore a generare falsi allarmi e ad oggetti che possano generare un rapido cambio della temperatura come ventilatori e condizionatori. Usando una tecnologia ad infrarossi, infatti, il sensore scatterà quando verrà rilevata una variazione di temperatura. Visto che verrà montato nella parte alta della finestra, o sulla porta di ingressi, posizionatelo nella zona più riparata dai raggi solari.
Se non si può fare a meno di montarlo a diretta esposizione solare esistono in commercio modelli progettati per resistere al calore e che sono alimentati ad energia solare.

Modelli in commercio e consigli di acquisto
Scegliere di installare un sistema di antifurto in casa é una decisione semplice, scegliere invece il modello più adatto a noi può rivelarsi piuttosto complicato vista l’enorme quantità e varietà dei prodotti in commercio.
Per quanto riguarda gli allarmi dotati di sensore a tenda possiamo dire che il prezzo varia dalle poche decine di euro ai 100 euro circa. In base a quanti ne volete installare potrete decidere il vostro budget per il sistema d’allarme. Consideratene almeno uno per la porta di ingresso ed uno per il balcone, se facilmente accessibile dall’esterno. Il supporto per il fissaggio al muro é compreso nel prezzo. In linea generale, se é il prezzo é eccessivamente basso e promette una protezione totale e garantita al 100% della vostra abitazione siate diffidenti. Affidatevi a brand noti nel settore e leggete le recensioni in rete.

Se convivete con uno o più animali domestici dovrete controllare nelle caratteristiche del prodotto che lo stesso si avvalga della tecnologia Pet immune (ovvero che sia immune ai coinquilini a quattro zampe). Per quanto molti sostengono che gli allarmi non siano in grado di distinguere tra persone ed essere umani, scattando senza ragione in continuazione, possiamo dire senza problemi che questo non é vero. Senza dubbio lo era in passato, ma ad oggi la tecnologia ha fatto notevoli passi in avanti. Vengono mandato un fascio di infrarossi inferiore nella parte bassa e un’analisi a microprocessore rivela il volume di ciò che ha attraversato la tenda.
Se volete installarlo in esterno dovrete accertarvi che il modello sia predisposto, se non é riportato nulla generalmente significa che non é adatto all’esposizione esterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *