Affidabilità dei sensori a ultrasuoni

Vota il post

affidabilita1Salve,

ti chiedo se esistono ancora quei sensori che rilevano variazione di pressione e correnti d’aria. Io li trovo molto utili nella protezione di aree molto estese…

Ti ringrazio

Dario

 

Ciao Dario,

i sensori di cui parli si chiamano sensori a ultrasuoni e sono stati rimpiazzati da tecnologie come l’infrarosso e la microonda, più affidabili e meno soggette ai falsi allarmi.

In passato questi sensori erano montati soprattutto sui veicoli, ma il vento forte e qualsiasi altro fattore in grado di generare vibrazioni li facevano scattare inutilmente.

I sensori microonda e infrarossi sono più sicuri e la sicurezza aumenta quando le due tecnologie sono abbinate insieme. I sensori a doppia tecnologia, infatti, prevedono che la segnalazione d’allarme scatti solo quando tutte e due i sistemi rilevano un’anomalia.

E’ vero che i sensori a ultrasuoni sono molto buoni per la protezione di aree ampie, ma l’affidabilità e l’immunità ai falsi allarmi valgono più di qualunque altra cosa!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *